Questa “crisi” di governo non è una cosa seria

Le convulsioni quotidiane governative mi ricordano una vecchia canzone degli anni trenta, “Ma cos’è questa crisi”, di Rodolfo De Angelis, ripresa negli anni successivi dal quartetto Cetra, da Gigi Proietti e anche da Elio. La storia politica di questo paese è fatta di governi, talvolta di “governicchi”, in cui il tasso di litigiosità fra i vari partner è sempre molto alto, troppo alto.

Il PD e l’asino di Buridano

Il governo Conte 2, a soli pochi mesi dal suo insediamento, è già in piena crisi di nervi. Le differenze di vedute fra i diversi partiti tendono ad aumentare, invece che diminuire per convergere su un programma condiviso. Del resto, le difficoltà di un governo insediatosi quest’estate, in una fase convulsa dopo il clamoroso autogol di Salvini, erano già piuttosto evidenti.