ControPiede

La sinistra europea al bivio

Siamo alla vigilia di un possibile cambiamento delle politiche europee che abbiamo conosciuto negli ultimi vent’anni. Questo non perché alle prossime elezioni del parlamento di Bruxelles e Strasburgo, a maggio dell’anno prossimo, vedremo un sostanziale cambiamento dei rapporti di forza (può anche esserci, ma è improbabile) tra europeisti e antieuropeisti. Che la sinistra, in particolare socialista, non stia tanto bene è palese, ma era vero già quattro anni fa. Che i popolari europei della famiglia democristiana sentano la pressione a destra dei nazionalismi crescenti era anch’esso vero già quattro anni fa. Perderanno entrambi seggi e voti, e certamente le destre euroscettiche aumenteranno consensi. Ma che nel Parlamento continuerà ad esserci una più o meno larga maggioranza composta da liberali, socialdemocratici e popolari non penso possa essere in dubbio.

Tuttavia, molte cose cambieranno. La riflessione interna al partito di Angela Merkel può avere conseguenze significative e già all’orizzonte emerge una prospettiva: il modello austriaco. Un modello in cui la destra tradizionale, più moderata, sposta più a destra il baricentro e trova alleanze con i nazionalismi più spinti, controllando però il processo e cementandolo nel contrasto all’immigrazione e alla rinuncia a prospettive di ulteriore integrazione europea. Gioca a favore di questa prospettiva anche l’afasia della sinistra: gli unici partiti socialisti in buona salute sono quelli di Spagna (dove il PSOE ha virato a sinistra dopo un congresso chiarificatore ed è salito al potere disarcionando il PP grazie al supporto di Podemos, arrivando ora al primo posto nei sondaggi con il 28%) e Portogallo (dove l’impronta anti-austerità del governo portoghese ha ridato un senso all’azione politica della sinistra e spinto il PS al 40%), mentre il Labour di Corbyn al 40% è, dopo la Brexit, tagliato fuori da questo ragionamento. In Francia il PS non esiste praticamente più (5%), in Grecia sono in affanno sia Tsipras (nei sondaggi intorno al 25%) che i vecchi socialisti (7%), in Italia il PD è al 17%. In Svezia, che va al voto questo settembre, i socialdemocratici sono primi ma con appena il 25% dei voti. In Germania la SPD è scesa sotto il 20% e solo in parte questo consenso viene intercettato da Linke (9%) e Verdi (13%).

Il rischio è di trovarci, nel sistema politico europeo, ad assistere impotenti ad un nuovo asse politico di destra-destra. Difficile immaginare una sopravvivenza sul medio periodo per le istituzioni europee stesse, che anzi avrebbero bisogno di una notevole sterzata a sinistra per connotare il sogno federalista di un senso progressivo e sociale, capace di restituire anche ai cittadini la percezione concreta di un progresso della qualità della vita e delle condizioni materiali, lavorative, reddituali e di formazione nell’ambito comunitario. Il rischio più grave, anzi, è che proprio a causa di questa concreta minaccia la sinistra svolga un ruolo di mero difensore dello status quo. Sarebbe un disastro ideologico e politico, perché l’attuale Unione Europea non funziona e crea squilibri molto gravi, percepiti anche dai singoli cittadini. La speranza è che tutte quelle forze politiche e sociali che credono nell’Europa, ma in una visione differente rispetto a quella di oggi, mettano in campo uno sforzo anche culturale per affermare una visione di solidarietà e progresso. E’ difficile, ma senza questa prospettiva non c’è alternativa al modello austriaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *