ControPiede

Il referendum si avvicina. Un SI obbligato e un NO di bandiera?

Per il PD di Zingaretti e Italia Viva di Renzi, è giustificazione sufficiente sostenere che il patto per la formazione del governo giallorosso prevedeva (in cambio del voto favorevole) riforme di ribilanciamento dei poteri e della legge elettorale?

Il dibattito di questi giorni è centrato su altri temi ma il referendum confermativo (senza quorum) si avvicina, Erano molti i contrari e i perplessi ma alla fine pochi se la sono sentita, in un clima “anticasta” di non approvare la riduzione del numero dei parlamentari. Inoltre il Partito Democratico doveva onorare il patto per la nuova formazione governativa giallorossa e aveva ingoiato il rospo.

Con 553 voti favorevoli e solo 14 contrari il 8 ottobre 2019 si era concluso alla Camera il lungo cammino schizofrenico della proposta di legge con il doppio passaggio confermativo. La riforma voluta dal Movimento 5 Stelle ha avuto il voto favorevole del Partito Democratico, di Italia Viva e di Liberi e Uguali (prima contrari) , ma anche dai maggiori partiti di opposizione: Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Una scadenza che farà molto discutere e porterà nuove divisioni, già ANPI si è dichiarata per il NO. Solo una nuova emergenza pandemica o una crisi di governo potrebbe rinviare il voto. Con quali motivazioni a sinistra chiedere adesso agli elettori di votare NO? Intanto M5Stelle ha piantato una bandierina, le opposizioni di centrodestra, fiutando i mal di pancia dentro gli altri partiti della maggioranza, la attendono al varco nella speranza di portare a casa nuovi consensi. Gli errori, o i compromessi, si pagano, anche duramente. Hai voglia a sostenere che la rappresentanza democratica è un valore e non ha prezzo!

Personalmente sono convinto che una riduzione dei parlamentari sia anche motivata e che in Italia ci sono altri presidi di rappresentanza politica molto sottovalutati dai partiti e dai cittadini (Regioni e Comuni). Facciamo in modo che funzionino.

I dati qui pubblicati sono ripresi da una elaborazione di Fanpage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *