Autonomie locali: ricostruire innovando

Venerdì 3 luglio si è tenuta una discussione tra amici e compagni che hanno fatto anche scelte politiche diverse nel campo vasto della sinistra, ma che rimangono accomunati dalla necessità di costruire dialogo e cultura politica comune. Questo il senso dell’incontro milanese, in forma telematica come usa al tempo del Covid, attorno al documento a cura di Arturo Bodini sulla ricostruzione del “sistema Italia” a partire da un profondo rinnovamento e una radicale riforma delle autonomie locali.

Milano città metropolitana. Un laboratorio per l’ innovazione urbana

Un contributo di GIORGIO CAZZOLA.
La Città Metropolitana di Milano raggruppa 133 comuni con oltre 3 milioni 250 mila abitanti su una superficie di 1575 km quadrati. Istituita definitivamente con la Legge 56 del 2014 – riforma Del Rio sugli enti locali – ha mostrato molti punti deboli:

Erdogan e Al Sisi. Valori e interessi in politica estera

Gli “interessi” di uno Stato sono in qualche modo diversi dagli interessi egoistici del singolo, infatti vengono normalmente definiti “interessi nazionali” e si dice che, in questo campo, maggioranze ed opposizioni politiche dovrebbero trovare una visione comune e condividere le linee d’azione.

Conte il temporeggiatore

Tutto sembra muoversi mentre in realtà si è fermi su temi tanto importanti quanto irrisolti. Così Conte: «Io e Zingaretti la pensiamo allo stesso modo: bisogna correre». Dopo avere da poco composto un Governo per evitare le elezioni dopo l’azzardata mossa salviniana del Papete, PD e M5 Stelle si sono trovati immersi nella gestione della emergenza Covid, che ha allontanato gli elementi di divisione.

Lavorare a distanza non è fare da lontano quello che si faceva prima in ufficio

Una dichiarazione infelice, quella del Sindaco Sala di qualche giorno fa e una lettera al Corriere della Sera (23 giugno) certo più argomentata ma ancora inadeguata per le ambizioni di Milano e la sfida della vera innovazione

Turismo 2020 nelle Alpi – monte Barone

Le condizioni di quest’anno ci fanno guardare con più attenzione a qualche meta turistica vicina. Io ho scoperto questo gioiello a poco più di cento chilometri da casa. Ho sempre amato la montagna d’estate: grandi spazi, e, se appena si evitano i luoghi più noti, anche grandi silenzi e tranquillità che aiuta a pensare un po’.